Jan 26 2011

Fiera Rimini dal 19 al 22 Febbraio 2011 MIA : 41° Mostra Internazionale

Classified in: NotizieHotelStresaRivazzurra at 10:14 am

Contemporaneamente a Fiera MIA ci saranno a Rimini Fiera – Pianeta – Birra-Beverage &Co, Esposizione Internazionale di Birra, Bevande, Snack; Attrezzature per Pub e Pizzerie
– Oro Giallo, Salone Internazionale dell’Olio Extravergine di Oliva
– MSE Mediderranean Seafoof Exposition, viagra for sale in uk Salone Internazionale delle Tecnologie e dei Prodotti della Pesca
– DiVino Lounge, wine food and more
– Agrifil, salone dell’agroalimentazione
Tanti gli Hotel a Rivazzurra di Riminiconvenzionati con la fiera, e segnaliamo Offerte Hotel Rivazzurra per Fiera Mia.
In esposizione il mondo dell’alimentazione fuori da casa. Fiera MIA ha lo scopo di promuovere tutto ciò che riguarda il business del fast food.
Con numeri eccezionali è leader nella promozione del fenomeno : 16 padiglioni posti su 80.000 metri quadri, oltre centomila visitatori.
Più che una manifestazione, Fiera MIA si presenta come avvenimento socio-culturale del mondo gastronomico, e la presenza di grandi Chef provenienti dalle migliori scuole e dalle migliori Maison de Cousine, da una garanzia di qualità alla manifestazione.
Tante sezioni di esposizioni sono presenti a Fiera MIA di Rimini :
Specialità regionali italiane ed estere con i profumi della tradizione;
Catering;
Frigus;
BioCatering;
GlutenFree;
Sandwiches & Snack.
Alcune informazioni sulle manifestazioni correlate a Fiera MIA:
MSE : L’unica manifestazione nazionale ad occuparsi del settore ittico, un indotto

fortissimo vista anche la conformazione geografica della nostra nazione ( per 3/4 del territorio è circondata da mare). Il settore ha un business stimato a quasi 800 milioni di euro.
PIANETA BIRRA BEVERAGE & Co. :un vero e proprio master dedicato ai gestori di locali quali pub, bar, discoteche.
ORO GIALLO : Splendida cornice è la Fiera MIA per presentare uno dei prodotti gastronomici italiani famoso in tutto il mondo: l’Olio Extravergine d’oliva. Tutto quello che il visitatore vuol sapere su produzione, raccolta, spremitura, acidità conservazione e soprattutto qualità dell’olio, lo trova a Fiera MIA.
FOOD&BEVERAGE LOGISTIC : tutti i sistemi aziendali per fruire i prodotti dal produttore al consumatore sono presentati in questa mostra.
DiVino LOUNGGE: un incontro tra il mondo raffinato dei vini e la ristorazione
AGRIFIL: una sezione dedicata ai proditti agrigoli e alle filiere agroalimentari

Tags:

Jan 18 2011

Domus del Chirurgo a Rimini, un tuffo nel passato.

Classified in: ViaggiHotelStresaRivazzurra at 10:28 am

Rimini è discount viagra levitra nota in tutta Europa per il mare, le discoteche e parchi tematici, molti dimenticano che è anche e soprattutto città di storia, arte e cultura.
Rimini, fondata intorno al 260 a.c.dai Romani, scelta non casuale vista l’invidiabile posizionedella città: a meta strada sulla bretella adriatica, a due passi dagli appennini ed ovviamente sul mare.
Non è strano perciò trovare nella città delle vacanze per eccellenza straodinari  e significativi reperti storici, che rappresentano tutte le civiltà passate da Ariminum e, ovviamente testimonianze della civiltà romana, basti pensare all’Arco d’Augusto (che oggi domina il centro storico della città) al ponte di Tiberio (unico ponte romano ancora integno e funzionale) all’anfitatro e ….
Ultimo ritrovamento archeologico, ma primo per importanza e bellezza (aperto al pubblico nel dicembre 2007 dopo una serie di restauri) è la DOMUS DEL CHIRURGO , che resta inserita nel percorso del vicino Museo della città,in pieno centro storico.
Lo staff dell’Hotel Stresa, hotel 3 stelle a Rivazzurra di Rimini, pronto a soddisfare le richieste dei propri ospiti, ma anche sensibile al fascino dell’arte e della storia, favorisce e promuove con lastminute Hotel Rivazzurra la scoperta di Rimini città d’arte, infatti propone indicazioni, cartine, percorsi  per vivere al meglio l’altra immagine di Rimini.
La DOMUS DEL CHIRURGO risale al II secolo d.c.
Attraverso i vari scavi si è potuto notare che per secoli è rimasta in uso sempre come “casa di cura” lo si evince dai vari livelli di costruzione e storiche ristrutturazioni. Attrezzi chirurgici, vasellami,bilance,contenitori per farmaci, tutto ritrovato quasi integro.
Anche la trasmissione “Ulisse” condotta da Alberto Angela e trasmessa su Rai 3 ha dedicato alla Domus un intero reportage.
informazioni e costi:
Dal

16 settembre al 15 giugno,
dal martedì al sabato ore 8,30-12,30 / 17-19
domenica e festivi ore 16-19  
lunedì non festivi chiuso
Dal 16 giugno al 15 settembre
dal martedì al sabato ore 10-12,30 / 16,30-19,30
domenica e festivi ore 16,30-19,30
martedì dei mesi di luglio e agosto aperto anche dalle 21 alle 23
lunedì non festivi chiuso
Ingresso Intero € 5; Ridotto € 3; Studenti € 2
VISITE GUIDATE
martedì – luglio e agosto, alle ore 21.30
venerdì – luglio e agosto alle ore 21.30
sabato alle ore 11.00 e 18.00
domenica alle ore 16.45 
0541 21482

Tags:

Jan 11 2011

Mostra Impressionisti a Castel Sigismondo di Rimini

Classified in: ViaggiHotelStresaRivazzurra at 4:50 pm

Viene raccontata, alla mostra di Rimini che viagra cialis online è ospitata al Castel Sismondo di Rimini: Parigi. Gli anni meravigliosi e per l’occasione sono numerose le Offerte Hotel Rivazzurra in occasione dell’evento culturale dell’anno!
Impressionismo contro Salon, fino al 27 marzo 2011,una parentesi storica legata al Salon e soprattutto agli impressionisti a cui fu negato l’accesso espositivo all’interno del Louvre.
Il nostro consiglio per un soggiorno a Rimini in occasione di una visita alla mostra va all’albergo Stresa, un Hotel 3 stelle a Rivazzurra di Rimini.
La storia

del Salon francese è affascinante, intanto il Salon Carrè è una sala del Louvre che è sistemata al 1° piano del palazzo museale, subito prima dell’accesso alla Grande Gallerie.
Questa sala del Louvre viene aperta alle “esposizioni” nel 1667 ed espose quadri di artisti legati all’Accademia reale.
Successivamente si decise di esporre anche opere di pittori emergenti ma le opere stesse venivano vagliate da una commissione istituita appositamente al controllo “morale” delle raffigurazioni, ovviamente il “vaglio” fu severo e soprattutto soggettivo (siamo intorno al 1780).
Il clima di libertà portato dalla Rivoluzione Francese entra anche nel Salon con il risultato della libera esposizione senza commissione giudicante, aria di libertà che resistette poco all’interno del “rigido” modo di pensare che si respirava tra gli amministratori del Louvre.
Sempre più selettivi e poco propensi al “nuovo” che evidentemente avanzava (siamo intorno al 1850, in piena espolosione impressionista)
e si evince leggendo le cronache dell’epoca che funo escluse dal Salon quasi 3000 opere, le stesse che oggi si ammirano nelle più prestigiose pinacoteche mondiali, ovviamente si tratta di opere degli Impressionisti (chiamati così dal critico francese Leroy con accezione negativa riferita al quadro di Monet “impressione,levar del sole”) che in quel periodo per ribellione esposero nel laboratorio fotografico di Gaspard-Félix Tournachon, conosciuto da tutti con lo pseudonimo di Nadar.
Un altra folata di libertà entro al Louvre nel 1890 grazie al curatore del Salon, monsieur Bouguereau si diede libero accesso ai giovani pittori per esporre le proprie opere e si disse ” l’impressionismo entra al Salon!”.
Novanta opere in esposizione, provenienti da musei e collezioni private che faranno vivere al visitatore l’atmosfera che respirarono i “giovani” Monet, Pissarro, Degas, Renoir, Sisley, Gullaumin, Cèzanne, Morisot e tanti altri, tutti “giovani” esclusi dal Salon.
La mostra è tecnicamente divisa in tre sezioni :
la prima Volto, corpo e figure
la seconda Nature sospese
la terza Lo specchio della natura
Apre la Mostra di Rimini la sezione dei quadri più discussi dalla commissione del Salon, si parte da  “Torso maschile” di Ingres con una serie a seguire di quadri rappresentanti  “alcune nudità” viste moralmente inaccettabili dai giudici del Salon, e chiude questa serie la “Toilette” di Bazille.
Si passa poi alle esposizioni di “natura morta”, i curatori della mostra di Rimini hanno fatto un lavoro magistrale in questa sezione perchè hanno esposto i quadri “esclusi” dal Salon di fronte ai quadri esposti al Salon.
Il nostro consiglio per un soggiorno a Rimini in occasione di una visita alla mostra va all’albergo Stresa, un Hotel 3 stelle a Rivazzurra di Rimini
info e costi
da lunedì a venerdì: ore 9:00 – 19:00
Sabato e domenica: ore 9:00 – 20:00
chiuso 24, 25, 31 dicembre 2010 
1° gennaio 2011: ore 10:00 – 20:00
ingresso € 13,00
Per informazioni  0541 53399  0541 53399
Castel Sigismondo, Via Luigi Poletti, 47923 Rimini

Tags:

Jan 04 2011

Mostra con Caravaggio a Rimini fino a Marzo 2011

Classified in: ViaggiHotelStresaRivazzurra at 4:34 pm

Anche quest’anno l’autunno riminese parte con un progetto dedicato all’ “Arte” e dopo il grande successo della mostra “da Gauguin a Picasso” svoltasi nell’autunno dello scorso anno, nella meravigliosa cornice di Castel Sismondo a Rimini verranno ospitate altre mostre, e gli Hotel Rivazzurra con offerte hotel Rivazzurra, si organizzano per ospitare viagra on line sales tutti coloro vorranno partecipare a quest’evento che vedrà ben due esposizioni:
dal 23 ottobre 2010 – 27 marzo 2011
– “Caravaggio e gli altri pittori del Seicento”
– Parigi. Gli anni meravigliosi. Impressionismo contro Salon Troveremo quadri di pittori come Gentileschi, Morazzone, Zurbaran, Saraceni, Van Dick e altri pittori del seicento, e si tratta di quadri a grandi dimensioni fatti arrivare direttamente da uno dei musei di arte classica più importanti del mondo il Wadsworth Atheneum di Hartford in America, e l’organizzazione della mostra riminese capitanata da Marco Goldin è riuscita a farsi “prestare” uno dei quadri più belli e unici del grande Caravaggio “l’Estasi

di San Francesco”.
Il quadro assume ancor più rilevanza perchè è la prima opera sacra del grande maestro.
Quest’anno ricorre l’anniversario della morte di Caravaggio, questo evento ha portato esposizioni del maestro in tutto il mondo, Roma al Quirinale, Amsterdam alla Dam ecc ecc, e tutti gli organizzatori avrebbero voluto presentare L’Estasi di San Francesco, ma solo Rimini è riuscita ad averla, per cui occassione unica per ammirare l’opera.
Contemporaneamente a questo evento ci sarà la mostra espositiva “Parigi. Gli anni meravigliosi.” Impressionismo contro Salon” vedremo esposizioni di opere dei grandi impressionisti francesi che si confrontano con pittori del Salon di Parigi per cui un festival di emozioni regalate da quadri di pittori del calibro di Monet, Renoir, Cezanne, Van Gogh, Pissarro, Sisley, Bonnat, Bouguereau, Gerome, Couture, Meissonier, Cabanel, Doré, Fromentin, Henner, Laurens. Ovviamente l’allestimento della mostra avrà un escursur cronologico atto a dimostrare l’evoluzione artistica della pittura francese di fine secolo scorso.
La storia del Salon francese è affascinante, intanto il Salon Carrè è una sala del Louvre che è sistemata al 1° piano del palazzo museale, subito prima dell’accesso alla Grande Gallerie. Questa sala del Louvre viene aperta alle “esposizioni” nel 1667 ed espose quadri di artisti legati all’Accademia reale.
Successivamente si decise di esporre anche opere di pittori emergenti ma le opere stesse venivano vagliate da una commissione istituita appositamente al controllo “morale” delle raffigurazioni, ovviamente il “vaglio” fu severo e soprattutto soggettivo (siamo intorno al 1780). Il clima di libertà portato dalla Rivoluzione Francese entra anche nel Salon con il risultato della libera esposizione senza commissione giudicante, aria di libertà che resistette poco all’interno del “rigido” modo di pensare che si respirava tra gli amministratori del Louvre.
Sempre più selettivi e poco propensi al “nuovo” che evidentemente avanzava (siamo intorno al 1850, in piena espolosione impressionista)
e si evince leggendo le cronache dell’epoca che funo escluse dal Salon quasi 3000 opere, le stesse che oggi si ammirano nelle più prestigiose pinacoteche mondiali, ovviamente si tratta di opere degli Impressionisti (chiamati così dal critico francese Leroy con accezione negativa riferita al quadro di Monet “impressione,levar del sole”) che in quel periodo per ribellione esposero nel laboratorio fotografico di Gaspard-Félix Tournachon, conosciuto da tutti con lo pseudonimo di Nadar.
Occasione da non perdere!

Tags: