Apr 11 2008

Toptoscana.it “Passione per i migliori ” La nuova guida Toscana

Vi sarà certo capitato anche a voi: di voler trascorrere verso novembre, tre giorni nelle Langhe piemontesi, per produttori di Barolo e cene a base di tartufo? O programmare una spumeggiante gita in Franciacorta, o una settimana alla ricerca del vero Nero d’Avola in Sicilia? O semplicemente pensare di passare un fine settimana con la vostra amata nella romantica Roma?

E quindi domandarvi: quali sono i migliori ristoranti, le più interessanti aziende vinicole da visitare, gli indirizzi di hotel o agriturismi di maggior qualità, dove si possa comprare i veri prodotti gastronomici del luogo?

E pensare, ” ci vorrebbe una guida dettagliata!!!

Naturalmente non la solita guida del patrimonio artistico, con piazze e monumenti; ma neanche una di quelle fredde guide già in commercio, fatte di punteggi, grappoli o stelle, legate a fini commerciali.

Ma una guida onesta, sincera e professionale, con foto e indicazioni precise riguardanti le grandi e piccole realtà del territorio. Io ho pensato di creare questa guida sulla Toscana, incominciando dalla splendida Val d’Orcia, sito patrimonio dell’umanità.

Obiettivo? Dare dei validi suggerimenti, per chi vuole visitare questa regione con i fini più piacevoli, seguendo l’arte dell’enologia, della grande cucina e della buona gastronomia in generale. E’ un lavoro lungo e difficile, ma sono sicuro che diventerà interessante per molti di voi. Naturalmente ho bisogno della vostra collaborazione, così vi invito a segnalarmi indirizzi validi per ampliare periodicamente la mia guida. Potete contattarmi al mio indirizzo: info@toptoscana.it

In questo ricco portale, voglio suggerirvi periodicamente sotto forma di ricette di cucina, dei percorsi legati all’enogastronomia, utilizzando gli indirizzi della mia guida: www.toptoscana.it

Tags:

Feb 26 2008

Notizie sul Parmigiano Reggiano

Classified in: Emilia Romagna,Enogastronomiaaaaa at 4:01 pm

“Solo il Parmigiano Reggiano
può essere chiamato Parmesan”

LUSSEMBURGO – “Solo i formaggi recanti la denominazione d’origine protetta (Dop) “Parmigiano Reggiano” possono essere venduti con la denominazione ‘Parmesan'”. E’ quanto ha stabilito a Lussemburgo la Corte di giustizia europea che ha però respinto il ricorso per inadempimento contro la Germania.

Secondo il regolamento relativo alla tutela comunitaria delle denominazioni d’origine, i prodotti registrati come DOP godono di tutela contro qualsiasi “usurpazione, imitazione o evocazione”. Le denominazioni generiche non possono invece essere registrate e quelle registrate non possono divenire generiche.

Ritenendo che la Germania non tutelasse a sufficienza la DOP “Parmigiano Reggiano”, la Commissione ha avviato un procedimento per inadempimento. Reputa che il termine “parmesan” sia la traduzione della DOP “Parmigiano Reggiano” e ha richiesto alle autorità tedesche di intervenire d’ufficio per porre fine alla commercializzazione dei prodotti venduti con la denominazione “parmesan” ma non conformi al disciplinare della DOP “Parmigiano Reggiano”.

fonte: www.repubblica.it/2008/02/sezioni/economia/parmigiano-reggiano/parmigiano-reggiano/parmigiano-reggiano.html
Ecco quanto vale il Parmigiano
il formaggio più copiato al mondo

<B>Ecco quanto vale il Parmigiano<br>il formaggio più copiato al mondo</B>

ROMA – Ecco i dati di mercato e di filiera del Parmigiano Reggiano Dop e Ogm-free, secondo dati del Consorzio del Parmigiano Reggiano.

Consumi: i consumi complessivi di Parmigiano Reggiano sono stati in crescita nel corso di tutto il 2007 (con le punte più alte raggiunte nel terzo trimestre) e si sono attestati attestati a fine anno al +1,2%.

Prezzi: quotazioni all’origine in aumento (11,1%) nel 2007, con un picco di 8,39 euro/kg nel settembre 2007, e una media annua pari a 7,80 euro/kg. Un aumento, a giudizio dei produttori associati al Consorzio, che non supporta i bilanci aziendali per la crescita dei costi (legata soprattutto a mangimi e ai tassi bancari) che si è attestata poco al di sotto del 10%. “Sul buon andamento dei consumi ha influito – secondo i dirigenti del Consorzio – anche l’incremento molto lieve dei prezzi; sicuramente il Parmigiano Reggiano non rientra tra i prodotti alimentari che hanno alzato la spinta inflazionistica, visto che il prezzo medio si è attestato a 13,01 euro/kg, con un incremento del 2% sull’anno precedente”.

Export: in forte aumento le esportazioni, che nel mondo hanno fatto segnare una crescita del 9,6%, con un incremento ancora più deciso in area Ue dove l’aumento è stato del 13,55%, secondo dati del Consorzio del Parmigiano-Reggiano.

Produzione: dopo il calo dell’1,48% nel 2006, la produzione ha registrato nel 2007 un’ulteriore lieve flessione (- 0,40%), attestandosi a 3.077.000 forme.
La filiera conta 437 caseifici, 4.291 allevamenti (15% della produzione nazionale di latte).

Autocontrollo: le azioni di vigilanza del Consorzio del Parmigiano Reggiano, nel 2007 ha effettuato un totale di 4.177 visite ispettive, di cui 1.507 presso confezionatori, centri di distribuzione e punti di vendita.

Fascino interplatenario: Paolo Nespoli ha offerto Parmigiano Reggiano all’equipaggio della Stazione spaziale internazionale (Iss) per festeggiare l’apertura del Nodo 2.

Sprint olimpionico: il Parmigiano Reggiano è sponsor di ‘Casa Italia-Coni’ e fornitore ufficiale della nazionale italiana dalle prossime Olimpiadi di Pechino, nonché ai Giochi del Mediterraneo, al Giochi della gioventù, fino alle Olimpiadi invernali di Vancouver del 2010.

Fonte:  www.repubblica.it/2008/02/sezioni/economia/parmigiano-reggiano/quanto-vale/quanto-vale.html

Tags: