Mar 29 2008

Frittelle di San Giuseppe

Classified in: Ricette tipicheaaaa at 1:48 pm

Ingredienti:
Pane
farina
un bicchiere di brandy
un bicchiere di latte
4 uova
zucchero
cannella
noce moscata
cacao in polvere.

Mettete a cuocere il pane nell’acqua, lasciatelo raffreddare e aggiungete le uova, il bicchiere di latte e gli altri ingredienti. Mescolate e quando avrete ottenuto un impasto omogeneo, fatelo friggere un cucchiaio alla volta nell’olio bollente. Spolverate poi le frittelle con zucchero a velo.

Tags:

Jan 31 2008

Ricetta delle Zeppole di Carnevale

Classified in: Ricette tipicheaaaa at 10:38 am

Ingredienti:

250 gr. di farina

– 2 cucchiai di olio extravergine di oliva

– 1/2 bicchiere di vino bianco

– 1 pizzico di sale

– olio per friggere

– un miscuglio di 200 gr. di zucchero semolato e 1 cucchiaio di cannella.

Versa in una teglia il vino, il sale e circa 5 dl. di acqua e lascia scaldare. Quando l’acqua inizia appena a bollire aggiungi la farina.Mescola bene, poi abbassa il fuoco e continua a mescolare fino ad ottenere un impasto compatto. Versa l’olio d’oliva su un piano e stendici sopra la pasta per farla freddare un po’, dopo qualche minuto inizia a lavorarla per ottenere un impasto liscio e, lavorandola con le mani, forma tanti rotoletti abbastanza lunghi.Unisci le estremità formando così delle ciambelle e lasciale riposare qualche minuto.Versa abbondante olio in una padella e fai cuocere le ciambelle per qualche minuto, bucherellandole a metà cottura per permettergli di gonfiarsi.Man mano che le zeppole saranno pronte falle asciugare su un foglio di carta assorbente poi cospargile del composto di zucchero e cannella.
Disponi le zeppole su un piatto da portata e saranno pronte da servire.

Fonte: http://www.ilpaesedeibambinichesorridono.it/zeppole.htm 

Tags:

Dec 31 2007

Lumache in Italia

Classified in: Ricette tipiche,Siciliaisidoro81 at 3:52 pm

Salve, siamo un gruppo di aziende raggruppate sotto un unico marchio Coclearia, con sede in Sicilia, ci occupiamo di produzione e distribuzione di chiocciole da gastronomia; i nostri allevamenti sono a pieno campo e utilizzano alimentazione naturale (verdure). Distribuiamo il prodotto in tutta l’Italia, con servizio espresso consegna 24/48 ore,le confezioni vanno da un minimo di 5 kg. Le lumache sono vive asciutte e spurgate pronte per la cottura.
Alleviamo helix aspersa muller helix, aspersa maxima, helix aperta, e helix vermiculata.Per ulteriori chiarimenti visitate il nostro sito www.coclearia.com.
AZIENDA AGRICOLA ALì GIUSEPPE
VICO TARO 34 NOTO SR 96017
P.IVA 0139471 C.F. LAIGPP74H06F943H
Stabilimento, contrada Conca D’oro Noto (SR) 960
Fax. 0931 836161.Tel. 333 2693139
www.coclearia.com info@coclearia.com

Tags:

Dec 04 2007

Idee regalo per il Natale 2007

Classified in: Basilicata,Degustazioni,Olio,Ricette tipiche,Vinoisidoro81 at 5:07 pm

Non avete ancora scelto i regali di Natale? Provate allora su La compagnia del Cavatappi, un sito che offre moltissimi prodotti tipici, come ad esempio gli Involtini di Melanzane, vini italiani e internazionali, accessori per la cucina e molto altro ancora! Io ho acquistato alcuni prodotti particolari, come la nduja, tipica calabrese, o la marmellata di kiwi, davvero ottima!!

Tags:

Nov 20 2007

Minestra di ceci

Classified in: Olio,Ricette tipiche,Toscana,Umbriaisidoro81 at 1:28 pm

Ricetta della Minestra di ceci

Ingredienti:

300 grammi di ceci

300 gr di pasta fatta in casa tipo cannolicchi

150 gr di pomodori

lardo

olio

sale

pepe

aglio

rosmarino

 Preparazione della minestra di ceci

In una pentola fatte soffriggere nell’olio l’aglio, il lardo e un rametto di rosmarino, aggiungete poi i ceci e i pomodori privati della pelle e dei semi, coprite con acqua e lasciate cuocere, aggiungendo altra acqua quando serve. Aggiungete la pasta, fate cuocere e quando sarà pronto servite aggiungendo una spolverata di pepe e un filo di olio crudo.

Tags:

Nov 01 2007

Medioevo a tavola a Gradara fino al 2008

Medioevo a tavola a GradaraA seguito del grande successo riscontrato nel corso del 2007, le cene medioevali organizzate dai ristoratori di Gradara in Collaborazione con il Comune, continueranno per tutto il 2007 e il 2008 senza interruzioni. Non ci saranno più le due sessioni, quella estiva (giugnosettembre) e quella invernale (dicembre-marzo) ma un programma continuo che proseguirà fino a tutto il 2008.

“Le prenotazioni che abbiamo ricevuto questa stagione sono state tantissime e la curiosità è tale – sostiene Sandro Alessi, Presidente della Pro Loco di Gradara – che ci è sembrato opportuno fare diventare “Il Medioevo a Tavola” un appuntamento fisso durante tutto l’anno. Per quanto ne so

– prosegue Alessi – non esiste qualcosa di simile a “Il Medioevo a Tavola” in Italia. Ci sono, è vero,

diversi ristoranti e Paesi che organizzano ritrovi conviviali in chiave storica, ma nessuno che duri continuativamente durante tutto l’anno e che coinvolga quasi tutti i ristoranti del centro storico! Uno dei motivi del successo dell’iniziativa è stato senz’altro l’altissimo livello qualitativo della

ricostruzione eno-gastronomica, degli utensili e dell’ambiente che i nostri ristoratori propongono ad ogni appuntamento. Un’esperienza che invito tutti quanti a provare almeno una volta!”

Banchetto Medievale a GradaraLe suggestive rievocazioni gastronomiche medievali saranno in programma ogni secondo venerdì del mese, da ottobre 2007 a maggio 2008 e 2 giovedì al mese (in concomitanza con i

“Giovedì al castello”) da giugno a settembre 2008.

 

I ristoranti che aderiscono all’iniziativa:

La Botte, La Tavernetta da Paolo e Francesca, Il Bacio, Pizzeria Da Berto, Il Soldato di Ventura.

Per informazioni: 0541-964115 oppure 0541-964673. È consigliata la prenotazione UN PO’ DI STORIA DE “IL MEDIOEVO A TAVOLA”

 

L’iniziativa “Il Medioevo a Tavola” è cominciata il 16 giugno 2006 con il seminario “Cibo e Ristorazione nel Medioevo”, che ha visto come oratore uno dei più importanti storici ed esperti di cultura e tradizione dell’alimentazione come il professore Massimo Montanari. Fa parte del Comitato Scientifico che ha curato l’iniziativa anche lo storico riminese Prof. Piero Meldini.

Il seminario ha coinvolto principalmente i ristoratori di Gradara molti dei quali si sono resi disponibili ad adeguare i propri locali mettendo alla prova la loro professionalità nel tentativo di

riproporre gli antichi sapori e l’atmosfera delle antiche locande. Gran parte del merito va, quindi, Via Mancini, 23 – 61012 GRADARA tel. 0541/823921 fax 0541/964490 attribuito ai coraggiosi ristoratori che si sono imbarcati in questo viaggio affascinante ma per nulla semplice e assai impegnativo, considerati gli elevati standard qualitativi che sono richiesti per una rievocazione storica filologicamente corretta.

Ogni ristorante si distingue con differenti proposte di menù, dal banchetto nobiliare, a quello popolare a quello basato principalmente sulle verdure o sulla cacciagione, tutti impegnati nel non facile compito di rievocare una cucina e, soprattutto, un atteggiamento nei confronti del cibo scomparsi da 600 anni e molto distanti dal nostro modo di pensare ma proprio per questo intriganti e sicuramente apprezzati da un pubblico che vuole provare qualcosa di diverso.

Va riconosciuto anche l’impegno dell’Amministrazione Comunale di Gradara che ha ideato e organizzato l’iniziativa, fornendo ai ristoratori che si sono lasciati coinvolgere e affascinare tutti gli strumenti per compiere al meglio la propria parte.

Fonte: urbinoeprovincia.com

Tags:

Oct 23 2007

Ricetta della zuppa di farro

Classified in: Ricette tipiche,Toscana,Umbriaisidoro81 at 6:27 pm

Una semplice ricetta della zuppa di farro:
Ingredienti:

125 gr di farro

1 carota

1 costa di sedano

pomodori pelati

750 ml di acqua.

Preparazione:

Lasciare in ammollo x una notte il farro. Tritare grossolanamente la carota, il sedano e i pelati, unire il farro e 750 ml di acqua. Lasciare cuocere per 1 ora e se rimane molto liquida procedere ancora con la cottura. Buona buona!

Tags: