Jul 23 2013

Vacanze sulle isole: le più gettonate sono la Sardegna e l’Elba

Classified in: Sardegna,Toscana,Viaggimarcotopdir at 3:42 pm

Le isole sono da sempre, una delle mete più ambite quando si pensa alla vacanza estiva. Tra le isole più visitate in assoluto in Italia ci sono sicuramente la Sardegna e la Sicilia, due posti magici e pieni di storia e cultura; ma prendono sempre più piede anche le piccole isole, come le Eolie, oppure l’isola d’Elba. Vogliamo concentrare la nostra attenzione proprio sull’isola toscana, che è vicinissima alla costa, e che con le sue splendide spiagge attira ogni anno tantissimi turisti; anche coloro che vogliono solo passare un fine settimana in totale relax e immersi nella natura incontaminata. L’Elba, infatti, è un posto unico nel suo genere, con tantissime spiagge, tutte diverse tra loro, con scenari unici; e con una vegetazione rigogliosa. Le strutture ricettive sono tantissime: gli hotel all’Elba rappresentano uno dei punti di forza di questa isola, che può ospitare tantissime persone che arrivano da ogni parte d’Italia e non solo per visitare i ben 147 chilometri di coste. Il mare cristallino e le spiagge dai mille colori, sono poi l’attrattiva principale di questa isola. Scegliendo un hotel all’Elba, è possibile visitare l’isola girandola e passando dalle bellissime distese di sabbia bianca di Marina di Campo o Sant’Andrea, senza dimenticare quelle più famose come la spiaggia di Lacona, o quella di Lido di Capoliveri. Di grande rilievo sono anche la spiaggia de Le Ghiaie, quella di Capo Bianco e quella di Sansone. Per chi ama poi le immersioni, i fondali dell’isola d’Elba sono ideali, ed è possibile anche poter visitare diversi relitti presenti in zona, come per esempio quello dell’Elviscot, a Pamante. E di fondali incontaminati ne è piena anche la Sardegna, decisamente un’isola molto più grande dell’Elba, e che quindi offre tantissime opportunità sia nelle rinomate zone costiere, che nelle zone interne. Per coloro che vogliono visitare questa incantevole isola, è possibile trovare tantissimi hotel in Sardegna, che ospitano i turisti, a seconda della zona dove si vuole soggiornare. E quando parliamo di hotel in Sardegna, spesso rimaniamo incantati dalle strutture super lussuose che si possono trovare in località glamour come Porto Cervo o Porto Rotondo. Per coloro che amano il lusso sfrenato, e vogliono essere coccolati nel massimo comfort, allora queste località fanno sicuramente al caso loro. Essendo l’isola molto grande vi è un’ampia scelta di posti da visitare. La zona di Cagliari o Villasimius nella parte bassa della Sardegna, rappresenta un gioiello da vedere assolutamente; mentre di particolare interesse naturalistico è la zona di Palau, con l’Arcipelago della Maddalena che dal 1994 è diventato parco geomarino, dove è possibile trovare paesaggi unici e un mare veramente incontaminato. Ricca di storia, questa isola, che è la più estesa del Mediterraneo, ha rappresentato la culla di tantissime culture. E proprio questa cosa si può ritrovare in tantissime testimonianze che sono arrivate fino ai giorni nostri. Tra queste, per esempio gli oltre 8 mila Nuraghi che sono disseminati su tutto il territorio. Si tratta di veri e proprio villaggi e tombe megalitiche, che riportano a noi la storia di alcune civiltà che si sono sviluppate su questa splendida isola a partire dal II millennio a.C.


Apr 10 2008

La sagra degli agrumi a Muravera (Cagliari)

Classified in: Sardegnaaaaa at 5:06 pm

Dal 4 al 6 aprile si tiene a Muravera, nel campidano, la Sa Festa de S’Arangiu (la sagra degli agrumi).

S’Arangiu de Murera, arancia tipica di questa particolare zona, viene omaggiata dai suoi abitanti con l’esposizione dai balconi e davanti gli ingressi delle case di tappeti, arazzi, oggetti di artigianato e vassoi di dolci.

Durante questi giorni festosi, merita una visita il borgo medievale, per l’aria che si respira nelle sue strette viuzze e per le caratteristiche “etnotraccas”, i famosi carri che riproducono spaccati di vita quotidiana, dal lavoro nei campi alla vita familiare.

Per la festa vera e propria bisogna avere la pazienza di aspettare domenica 6.

Si inizia con le Is fainas in domu, degustazioni di prodotti tipici (formaggi, malloreddus, mirto rosso e ovviamente le arance) negli atri dei vecchi portoni delle case campidanesi; tutto ciò fino all’arrivo dei gruppo folk, accompagnati dalle launeddas, strumenti a fiato originari del luogo, che aprono la strada agli etnotraccas e ai cavalieri.

Si potranno ammirare i costumi tradizionali indossati da donne e uomini in occasione della festa e visitare il museo Donna Sanna Sulis dove è esposta la riproduzione del costume muraverese completa di gioielli. Vale la pena anche fare un giro nelle zone intorno a Muravera.

In primavera il territorio rinasce: i colori, il profumo degli aranceti in fiore e le insenature del mare si riappropriano di tutta la loro bellezza.

Magari, tempo permettendo, vi viene voglia di fare un tuffo nelle acque trasparenti e incontaminate di questa bellissima isola, la Sardegna.

Fonte: dgmag.it

Tags: